Un governo che guarda al futuro. Puntando sulla bioeconomia


palazzo chigiRiuscirà l’Italia ad avere un governo? La missione sembra impossibile. Prima delle elezioni, paventando quanto poi si è avverato, ovvero l’ingovernabilità del paese, abbiamo anche espresso il sogno di avere come ministro dello Sviluppo economico, Catia Bastioli, Ceo di Novamont. Subito dopo la stessa Bastioli è stata inserita da Michele Santoro (questo ovviamente ci fa piacere) in un suo ipotetico governo di alto profilo. Il ministero che Santoro ha assegnato a Bastioli è quello dell’Ambiente. Il che fa emergere bene come la nostra visione dell’ambiente e della bioeconomia sia di traino dello sviluppo economico ma anche sociale del paese. Nel giochino del nuovo possibile governo si stanno cimentando un po’ tutti gli organi d’informazione.

Proviamo così anche noi de Il Bioeconomista a proporre un governo di alto profilo per il paese, che abbia nella propria agenda politica tra le priorità lo sviluppo della bioeconomia e dell’occupazione.

Sviluppo economico e sociale: Catia Bastioli, Ceo di Novamont e presidente del Kyoto Club Italia

Economia: Mariana Mazzucato, economista, docente all’University of Sussex

Lavoro e welfare: Daniele Checchi, economista del lavoro, docente all’Università di Milano

Funzione pubblica: Maria Cecilia Guerra, economista, docente all’Università di Modena e Reggio Emilia

Ambiente: Walter Ganapini, membro onorario del Comitato scientifico dell’Agenzia europea per l’ambiente

Agricoltura: Francesco Salamini, presidente Istituto Agrario di San Michele all’Adige

Futuro (Istruzione, Università e Ricerca): Roberto Cingolani, direttore scientifico IIT Genova

Salute: Mauro Ferrari, presidente e Ceo del Methodist Hospital Research Institute di Houston (Texas)

Cultura e spettacolo: Andrée Ruth Shammah, responsabile unica del Teatro Franco Parenti (Milano)

Giustizia: Silvana  Arbia, giurista e cancelliere della Corte Penale Internazionale

Interni: Alessandro Giuliano, capo squadra mobile di Milano

Esteri: Maddalena Tirabassi, direttore del Centro Altreitalie sulle migrazioni italiane

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s